Guardie zoofile OIPA













OIPA


Vai al sito dell'OIPA


Diventa follower OIPA



Iscriviti al canale

You tube OIPA



AREZZO, DAL LAGER AD UNA NUOVA VITA
GRAZIE ALLE GUARDIE ZOOFILE OIPA AREZZO

Sostieni le guardie zoofile OIPA Arezzo e provincia alla paginahttps://www.guardiezoofile.info/ecozoofile/arezzo.html

11/5/15
AGGIORNAMENTO

Erano stati trovati in un vero e proprio lager, rinchiusi in container bui, tra le feci e affetti da patologie mai curate. Ora per i 7 cani sequestrati nel marzo scorso dai carabinieri di Capolona (AR) in collaborazione con le guardie zoofile OIPA Arezzo, si apre finalmente uno spiraglio verso una vita degna di questo nome.

Il luogo in cui erano detenuti è stato adeguato a norma di legge e in queste settimane sono stati accuditi quotidianamente dai volontari OIPA e dell’associazione Scudo di Pan.

Nei giorni scorsi per i primi tre di loro è arrivato il tanto atteso momento del trasferimento: la struttura dell’associazione Gli Amici di Argo si è resa disponibile ad accoglierli e a cercare per loro una nuova casa.


17/3/15
AFFAMATI, SPAVENTATI, RINCHIUSI AL BUIO E TRA LE FECI: LE GUARDIE ZOOFILE OIPA AREZZO INTERVENGONO PER SEQUESTRARE SETTE CANI DETENUTI IN UN LAGER

A seguito di una segnalazione circa le cattive condizioni di salute di un cane, nel pomeriggio di domenica 15 marzo le guardie zoofile OIPA Arezzo hanno effettuato un sopralluogo presso un’abitazione privata a Capolona (AR). Una volta giunti sul posto gli agenti hanno appurato che i cani detenuti nella proprietà erano in totale 7 e tutti erano detenuti in condizioni drammatiche. Gli unici due cani microchippati e intestati a M.F., cacciatore, erano rinchiusi singolarmente al buio all’interno di due garage completamente serrati, ricolmi di feci. Entrambi gli animali, un maschio e una femmina giovani, erano gravemente denutriti e molto spaventati. Il maschio presentava anche una ferita aperta sulla schiena, mentre la femmina era curva su sé stessa.

All’interno della medesima proprietà erano detenuti altri cinque cani, tutti sprovvisti di microchip, di cui tre, due maschi giovani e una cucciola, in due piccoli recinti, sprovvisti di riparo e acqua pulita, con pavimentazione composta da fango e feci. Altri due, maschi giovani, erano rinchiusi in un container di lamiera completamente al buio e in condizioni igieniche disastrose.

Vista la gravità della situazione le guardie zoofile hanno chiesto il supporto di carabinieri di Subbiano (AR) che, intervenuti sul posto, hanno posto i cani sotto sequestro penale e denunciato M.F. per maltrattamento di animali. I veterinari Asl stanno sottoponendo i cani a tutti gli accertamenti per verificare la presenza di patologie, oltre al grave stato di denutrizione. Vista l’impossibilità di trovare un ricovero immediato nei canili della zona, i cani sono rimasti momentaneamente nella proprietà del trasgressore, al quale è stato consegnato cibo per sfamare gli animali ed è stato imposto un immediato miglioramento delle condizioni di detenzione.

Le guardie zoofile OIPA, in collaborazione con la sezione OIPA di Arezzo, stanno monitorando da vicino la situazione e nel pomeriggio di lunedì 16 marzo hanno effettuato un ulteriore sopralluogo per verificare l’attuazione delle prescrizioni e le condizioni dei cani. In parallelo si lavora alacremente per trovare con estrema urgenza un ricovero alternativo per i 7 cani, sia nelle struttura di zona sia presso stalli privati.




Organizzazione Internazionale Protezione Animali

Organizzazione Non Governativa (ONG) affiliata al Dipartimento della Pubblica Informazione (DPI)
e al Consiglio Economico e Sociale (ECOSOC) dell’ONU

OIPA Italia Onlus
Codice fiscale 97229260159
Riconosciuta dal Ministero dell’Ambiente (DM del 1/8/07 pubblicato sulla GU 196 del 24/8/07)
Sede legale e amministrativa: via Gian Battista Brocchi 11 – 20131 Milano - Tel. 02 6427882 – Fax 02 99980650
Sede amministrativa: via Albalonga 23 - 00183 Roma - Tel. 06 93572502 – Fax 06 93572503
info@oipa.orgwww.oipa.org